Aprile 8, 2014
|

Il Design fa 90 / Ninetiestastic design

L’ABC del design italiano del ‘900 attraverso i suoi protagonisti

A cura di Anty Pansera

Apertura 8 – 18 aprile 2013

Orari 10:30 – 13 /15:30 – 19:30

Durante il Salone del Mobile orario continuato 10:30 – 21:30

Ingresso libero

In occasione dell’edizione 2014 del Salone Internazionale del Mobile – importante vetrina del design italiano anche verso EXPO – FRAGILE presenta la prima fase di un percorso espositivo non scontato alla scoperta di 90 nomi di riferimento del design del ‘900, attraverso una selezione di preziosi oggetti – molti dei quali pezzi unici – firmati, prodotti e pubblicati da progettisti, aziende e testate che hanno fatto grande il made in Italy. La mostra, curata da Anty Pansera, è patrocinata dal Comune di Milano ed è aperta al pubblico – con ingresso libero – dall’8 al 18 aprile 2014.

Sono mobili e complementi d’arredo, lampade soprattutto, con cui si sono cimentati “tutti”, potremmo dire, i protagonisti della storia di queste tipologie nel secolo breve appena concluso (alcuni di loro anche con bijoux e gioielli): e spesso c’è stato l’imbarazzo della scelta, nella ricca, articolata, raffinata “campionatura” che FRAGILE, nel corso degli anni ha individuato, selezionato e proposto.

Anty Pansera, curatrice della mostra, ci riporta a quel proverbio, “La paura fa novanta”, figurato e ironico, che sottolinea come sotto lo stimolo di questo sentimento si fanno cose che sembrerebbero impensabili in condizioni normali: e qui a lanciare una sfida in nome della creatività e della progettualità. “Giocando”, dunque, soprattutto con quei “sogni” avverati che testimoniano l’affermazione della nostra progettualità e creatività, e con quella combinazione di carte alle quali vengono attribuiti i numeri dall’uno al novanta ricavati dalla Cabala o da La Smorfia. E il 90 è proprio quello riferito alla paura: che abbiamo fatto al mondo internazionale del prodotto e che…vogliamo continuare a fare!

Così, in un rimando incrociato di nomi di aziende, designer e testate si può spaziare da Aulenti e Artemide fino a Zanuso e Zanotta, passando da BBPR a Bracciodiferro, da Gardella a Gavina, da Frattini a Fontana Arte… a testimoniare ancora una volta la ricchezza della progettazione italiana attraverso i protagonisti di un’epoca di grande fervore creativo.  

Lampade, imbottiti, librerie, sedute e tavoli, ma anche gioielli e ceramica offriranno ai visitatori italiani e stranieri una raccolta di arredi e preziosi oggetti di design, da divulgare anche al di fuori della ristretta cerchia del collezionismo.

Esposte diverse chicche e personaggi da riscoprire: tra gli altri un doveroso omaggio a Corrado Aroldi, da poco scomparso, che con il fratello Danilo ha operato dagli inizi del decennio Sessanta, architetti e designer sempre attenti all’economicità del prodotto, all’uso attento delle tecnologie e dei materiali per la miglior messa in forma. Un’occasione per ricordare anche figure oggi trascurate come Carlo DeCarli, architetto, dal secondo dopoguerra impegnato nella promozione del mobile italiano e nella trasformazione del settore, ricordato qui con la seduta mod. 634 (Cassina, 1954). Anche la ceramica partecipa, ovviamente, a questa breve storia: ed ecco il Servizio da the in terraglia bianca formata a colaggio, smaltato e decorato con ossidi, dalla geometrica, “moderna”  forma e particolari grafie, firmata e prodotta a Vietri da Ernestine, affascinante figura di designer e imprenditrice giunta in Italia nei primi anni ’50. E, a chiudere il nostro percorso alfabetico di eccellenze insieme a Zanuso, il celebre Aurelio Zanotta che ha fondato in quegli anni un’azienda del mobile e del complemento che si è subito qualificata per la chiamata di progettisti. Tra i primi i fratelli Castiglioni: ed ecco qui la seduta Primate (1970), un archetipo, potremmo dire, la cui forma scaturisce dall’osservazione di un modo di sedere orientale, e che permette di tenere a lungo il busto eretto senza un  appoggio.

Potrebbero interessarti anche

Eventi

Anni Luce. Arredoluce. 100 lampade.

In occasione della Milano Design Week 2024, FRAGILE, realtà tra le più fervide del panorama antiquario italiano e internazionale del Novecento e del design storico, apre le porte del suo nuovo spazio in via Simone D’Orsenigo 27 a Milano presentando la mostra “ANNI LUCE. ARREDOLUCE. 100 LAMPADE”, a cura di Anty Pansera.

Continua a leggere >

Stay in touch

Desideri più informazioni?

Compila il form sottostante e ti ricontatteremo quanto prima!